Top 10 similar words or synonyms for ossessionano

perdonasse    0.730445

disillude    0.725983

perseguitavano    0.721404

perseguitano    0.719957

skatzato    0.716498

emarginano    0.713390

distraevano    0.711387

ammoniscono    0.708147

smooze    0.704475

dileggiano    0.698620

Top 30 analogous words or synonyms for ossessionano

Article Example
Episodi di Teen Titans Go! (serie animata) (seconda stagione) Durante una missione Robin perde la maschera. A causa di questo avvenimento gli altri Titans si ossessionano col voler vedere il suo vero volto.
La madre (film 2014) Don Paolo è un parroco tormentato, diviso tra la passione, la fede e le morbose ossessioni materne. Un giorno nella sua vita entra Agnese, giovane donna di cui il prete si innamora quasi subito. Tra fantasmi del passato che ossessionano la madre di don Paolo, tormenti e pentimenti del figlio e possibilità di riscatto offerte dalla giovane donna si consuma un triangolo di amore e passione, fino al suo tragico epilogo.
Io ti salverò Le linee parallele, il colore bianco ossessionano il protagonista: righe fatte dalla forchetta sulla tovaglia, righe bianche e nere della vestaglia, rotaie, righe in rilievo nella coperta; bianco è il latte con il bromuro, bianca è la neve che cade, bianchi e neri i segni lasciati dagli sci sul pendio in discesa; i significati profondi del sogno sono nascosti in occhi tagliati, carte da gioco, spiovente del tetto.
Futurama Studentessa dell'Università Marziana, lavora alla "Planet Express" più per rendere compiacente il suo professore Farnsworth che per necessità, mentre questi l'ha voluta nel suo staff perché Amy possiede il suo stesso gruppo sanguigno. I suoi genitori, Inez e Leo, (parodia delle coppie asiatiche di mezza età, ricche, materialiste e ossessionate dalla discendenza) possiedono l'emisfero occidentale di Marte, sul quale allevano scaramucche e la ossessionano perché si sposi e dia loro numerosi nipotini.
Stan (singolo) La canzone è stata scritta da Marshall Mathers intorno al 2000. La canzone narra del rapporto che si può manifestare tra un fan e una star. Infatti, come accade nella canzone, Stan, che rappresenta il fan, si rispecchia talmente tanto nelle canzoni di Eminem che vorrebbe conoscerlo a tutti i costi. Ciò che accade a Stan nella canzone, è quello che accade a moltissimi fan di un qualsiasi artista che, prima della fama, ha vissuto come loro. I fan si ossessionano della sua figura perché lo vedono come una specie di ancora di speranza, che li incita a cercare di somigliare all'idolo il più possibile.
Xanadu - Una famiglia a luci rosse La famiglia Valadine possiede una casa di produzione cinematografica specializzata in porno, la Xanadu, diretta dal patriarca Alex Valadine, che l'ha fondata negli anni Settanta, portandola al successo grazie alla prima moglie Elise Jess. La donna è morta da dieci anni, ma il suo fantasma e il mistero dietro la sua scomparsa ossessionano ancora la famiglia, formata da Laurent, il figlio maggiore ed erede della Xanadu; Sarah, bandita in Canada, ma tornata in Francia per strappare al fratello la dirigenza; il ribelle Lapo, che non va d'accordo con il padre; la trentenne Varvara, seconda moglie di Alex; Anne, la compagna di Laurent, e la piccola Marine.
La vita facile (Price) Le indagini, sia pure a rilento, vanno avanti. Vengono perquisiti i ragazzini in strada e rivoltati gli appartamenti dei sospetti. Ogni fermo di polizia, anche per una stupidaggine, si conclude con il ricatto: "Dimmi qualcosa sulla pistola che ha sparato o su qualsiasi pistola che conosci, oppure...". Anche la vita di Tristan, il diciottenne gangster che ha ucciso Ike, in preda al terrore, in quell'alba tragica, diventa sempre più difficile. Si rifugia nelle poesie che scrive sul suo quadernetto. Amici e ragazze lo evitano o lo sfottono. Il patrigno lo mena, i "criceti" come chiama i tre fratellastri più piccoli, lo ossessionano. Solo nel contatto con la sua pistola, che porta infilata nei pantaloni, trova un conforto che traduce in versi deliranti:
River Phoenix A metà delle riprese di "Patto di amore e di morte", Iris Burton chiamò Phoenix per informarlo della possibilità di ottenere un ruolo nel film "Explorers" di Joe Dante. Phoenix ottenne la parte, interpretandovi Wolfgang Müller, piccolo scienziato che insieme a due compagni costruisce un'astronave per entrare in contatto con gli esseri alieni che affascinano e ossessionano particolarmente l'amico Ben (un giovanissimo Ethan Hawke). Pubblicato nel 1985, questo era primo grande ruolo cinematografico di River, a cui segue un'apparizione nella sitcom "Casa Keaton" con Michael J. Fox. Nel 1986, River fu co-protagonista nel film per la televisione "" di David Greene, girato prima di raggiungere la celebrità cinematografica. Sempre nel 1986 River Phoenix rende due intense interpretazioni che mettono definitivamente in luce le sue incredibili doti recitative. Viene scelto da Peter Weir per "Mosquito Coast" in coppia con Harrison Ford e Helen Mirren in un ruolo, quello di Charlie, che sembra richiamare la sua stessa vicenda umana dei primi anni.
Jeff Koons Nello stesso periodo e negli anni seguenti, Koons realizza opere da alcuni critici considerate di carattere neo-geo, ma soprattutto giudicate come kitsch. Si tratta, in effetti, di opere che riproducono sovente oggetti comuni quali giocattoli e soprammobili, compreso il celebre coniglietto di plastica gonfiabile, "Rabbit" (1986) e il busto di Luigi XIV (1986), entrambi appartenenti alla serie "Statuary" ed entrambi calchi in acciaio: un materiale che incarna i principi di efficienza e durevolezza che "ossessionano le case moderne". Essendo un materiale povero simile ai materiali ricchi, come l'argento, usarlo per produrre opere d'arte è utile a stimolare mobilità sociale, senza conflitti. Come dichiara lo stesso Koons: Allo stesso periodo risalgono le sculture appartenenti alla serie "Luxury and Degradation", dedicata ad indagare la relazione fra alcolismo, pubblicità e classi sociali, lavori in porcellana quali "Michael Jackson and Bubbles" (1988) e "Pink Panther" (1988), appartenenti alla serie "Banality", nonché, a partire dagli anni '90, i "Puppy": enormi sculture botaniche raffiguranti animali.
Unleashed (Epica) Il videoclip, girato vicino a Berlino e pubblicato il 29 settembre 2009, trae ispirazione dal film "The Sixth Sense - Il sesto senso" (1999) e narra la storia di un uomo che, dopo essere tornato a casa con la moglie, viene colpito da un proiettile nel corso di un furto. Da quel momento, egli inizia a vedere persone (interpretate dai componenti degli Epica) che lo seguono e lo ossessionano ovunque. L'uomo sprofonda nella pazzia e viene portato in un manicomio, il cui personale non è altro che le persone che apparivano all'uomo. Il video termina con l'ospedale in rovina e un foglio di giornale che riporta: «Uomo colpito a morte da un ladro nella propria abitazione.»