Top 10 similar words or synonyms for oeser

hohl    0.806823

rottmann    0.805220

dobrynsʹka    0.800019

broersen    0.791611

wenth    0.789021

twell    0.789020

ikauniece    0.787294

xénia    0.780519

hinriksdóttir    0.779531

mächtig    0.778346

Top 30 analogous words or synonyms for oeser

Article Example
Adam Friedrich Oeser Dopo un alunnato di due anni presso il pittore di Bratislava E. F. Kamauf (1696-1749), nel 1730 andò a Vienna dove completò fino al 1739 la sua formazione artistica. Dal 1733 al 1735 studiò ancora a Bratislava presso lo scultore e medaglista Georg Raphael Donner (1693-1741). Nel 1739 lasciò Vienna e andò a Dresda dove lavorò come pittore fino al 1756. Il 5 novembre 1745 sposò Rosine Elisabeth Hohburg, con cui ebbe otto figli, quattro dei quali morirono in tenera età. Noti furono la figlia Friederike Elisabeth Oeser (1748-1829) e Wilhelmine Geyser (1791-1888) così come il figlio Johann Friedrich Ludwig Oeser. Tra l'ottobre 1754 e il settembre 1755 strinse un intenso rapporto con Johann Joachim Winckelmann. Dal 1759 operò a Lipsia. Il 6 febbraio 1764 divenne il primo direttore della rifondata Accademia del disegno. Occupò questo ufficio fino alla morte. Il 13 febbraio 1764 venne nominato pittore della corte elettorale. Tra il 1765 e il 1768 diede lezioni di disegno al giovane studente Johann W. Goethe (1749-1832). Dipinse la sala delle feste del castello di Gohlis ed a Lipsia sia la chiesa di San Nicola e sia il monumento del re. Nel 1776 fu accolto nella loggia massonica Balduin. Il 18 marzo 1799 morì all'età di 82 anni.
Jacob van Schuppen Si formarono alla sua scuola Christian Hilfgott Brand, Carl Heinrich Brand e, dopo il 1730, Adam Friedrich Oeser.
Carl Gustav Carus Pittore di paesaggi, ebbe lezioni di pittura da Julius Diez e successivamente studiò con Julius Schnorr von Carolsfeld all'accademia di pittura di Oeser. Dal 1814 al 1817 fu autodidatta per la pittura ad olio lavorando insieme a Caspar David Friedrich.
Johann Sebastian Bach (pittore) Bach nacque a Berlino. Studiò sotto Adam Friedrich Oeser a Lipsia. Nel mese di maggio 1773, si trasferì a Dresda, e nel febbraio 1776 ad Amburgo, dove il padre era direttore di Musica. Nel settembre 1776 intraprese un viaggio di studio a Roma, dove si ammalò gravemente subito dopo il suo arrivo nel mese di febbraio 1777, e morì nel 1778.
Proserpinaca palustris La prima importazione in Europa, risalente al 1909 grazie al professor Goebel, passò inosservata. Un secondo tentativo lo fece nel 1939 il dottor Oeser, introducendo la pianta dal Guatemala, ma fu per anni erroneamente diffusa come "Myriophyllum heterophyllum", il parente più vicino.
Anna Amalia di Brunswick-Wolfenbüttel Quando militari, artisti e scienziati erano ospiti alla corte dei duchi, facevano spesso visita di cortesia alla madre. Dopo il 1775 Anna Amalia inserì la crescente borghesia nelle forme di intrattenimento sociale, ma quasi esclusivamente artisti ed eruditi, che di regola non appartenevano alla borghesia di Weimar, quali l'ex precettore del figlio Christoph Martin Wieland, lo scrittore e illuminista Giovanni Giochino Bode, il professore d'arte di Lipsia Adamo Federico Oeser, il pittore Georg Melchior Kraus e lo studioso delle antichità Carlo Augusto Böttiger.
Wittumspalais La realizzazione degli interni cominciò nel 1775. I dipinti del soffitto sono opera di Adam Friedrich Oeser. Dopo il 1807 il palazzo fu amministrato dal maresciallo di corte. Dal 1808 al 1848 si riunì lì la loggia massonica "Amalia". Poi dal 1833 al 1848 nel salone delle feste si tennero le sedute del consiglio regionale ("Landtages"). Nel 1848 fu trasferita nel palazzo la biblioteca del "Lesemuseum". A partire dal 1858 lo stesso salone delle feste fu usato come atelier dal pittore Leopold Graf von Kalckreuth e poi, dal 1864 al 1868, da Friedrich Preller per il suo "Ciclo di Ulisse".
I racconti di Hoffmann Grazie alle ben 1.250 pagine (comprendenti anche alcuni schizzi preparatori, il materiale relativo al concerto privato del 1879, lo spartito realizzato dai copisti di Offenbach in vista delle prove e l'originale partitura per orchestra della versione Guiraud dell'atto di Giulietta), Fritz Oeser pubblica nel 1976 la prima edizione critica de "Les Contes d'Hoffmann". Viene innanzitutto ripristinato l'ordine corretto degli atti, il ruolo di Nicklausse assume spessore musicale e psicologico mentre i ruoli malefici sono previsti per un solo interprete così come quello dei differenti amori.
Winton Dean Dopo la seconda guerra mondiale, diventò importante come critico musicale, in particolare quando pubblicò diversi articoli su composizioni di Bizet, a partire da "La Coupe du roi de Thulé" in "Music & Letters" nel 1947. Nel 1965 riscrisse completamente il suo libro del 1948 su Bizet per via di nuovo materiale e nuova musica del compositore che erano emersi allora. Dal 1965 ha scritto articoli che criticavano l'edizione Oeser di "Carmen", elencando molti errori, descrivendolo come "un disastro musicologico di prima grandezza", e continuò a sottolineare i suoi errori nelle recensioni degli spettacoli e nelle registrazioni successive. Nel 1954 su Grove ha contribuito con un vasto saggio sulla "critica", che termina con una lunga lista delle qualità necessarie per un critico.
McLaren M8 La stagione 1970 vide il debutto della M8C, versione clienti della M8A. I team privati che portarono in gara la M8C furono: la McCaig Racing, con pilota Roger McCaig, la Performance Engineering con pilota John Cordts e la Lothar Motschenbacher Racing con pilota lo stesso Lothar Motschenbacher. Il miglior risultato delle M8C fu il quinto posto, ottenuto in quattro occasioni: a Motorsport Park, Mont-Tremblant e Road Atlanta da McCaig e a Riverside da Motschenbacher. Il team di Motschenbacher iniziò il campionato con la M8A-2, con cui corse nelle prime sei gare, per poi passare alla McLaren M12 ed infine alla M8C. Con la M8A-2 Motschenbacher conquistò il secondo posto a Mont-Tremblant ed il terzo ad Edmonton e a Mid-Ohio. Il team Auto World Inc. con pilota Oscar Koveleski portò invece in gara una M8B. Il miglior piazzamento di Kovelski fu una quarta posizione a Road Atlanta, seguito da un sesto posto a Mont-Tremblant. A fine stagione il migliore dei team privati fu quello di Lothar Motschenbacher, che con 65 punti ottenne il secondo posto assoluto in classifica, dietro solo a Hulme. McCaig concluse decimo con 34 paunti, mentre Koveleski fu quindicesimo con 16 puntie. Cordts concluse a zero punti, difatti nelle prime gare fu sempre costretto al ritiro. Alla quinta prova, e sua ultima gara della stagione, passò alla Lola T160 del team Smith-Oeser Racing, ottenendo un sedicesimo posto, fuori dalla zona punti.