Top 10 similar words or synonyms for malesani

cavasin    0.881833

zaccheroni    0.862536

bigon    0.840380

gilardino    0.776346

paloschi    0.772190

bersellini    0.743395

mandorlini    0.738861

braglia    0.729560

martelossi    0.720067

stramaccioni    0.708073

Top 30 analogous words or synonyms for malesani

Article Example
Alberto Malesani Amante del buon vino, ha comprato un terreno a Trezzolano di Verona e, grazie alla collaborazione di un amico enologo, produce Valpolicella e Amarone.
Alberto Malesani Per il campionato successivo fu chiamato a guidare, in Serie A, il Modena con contratto annuale. La stagione iniziò positiva, con la squadra al 5º posto in classifica dopo sei giornate ma a termine girone d'andata, il Modena subì una flessione di risultati. A marzo, dopo la sconfitta col Lecce, cominciarono a circolare voci su un suo probabile licenziamento. Nacquero problemi e polemiche tra squadra e Malesani, che non riusciva a gestire lo spogliatoio, apparso rassegnato, in scarsa condizione fisica. La società non difese mai Malesani che venne esonerato il 22 marzo dopo la sconfitta in casa subìta dalla Reggina nello scontro diretto per la salvezza (26ª giornata), e sostituito da Gianfranco Bellotto, con la squadra in quart'ultima posizione che aveva vinto una volta nelle ultime 18 giornate.
Alberto Malesani Con la Fiorentina, firmò un contratto annuale con opzione per anno seguente.
Alberto Malesani La stagione seguente, nella massima competizione europea, dopo aver eliminato ai preliminari il Wisla Cracovia, la squadra greca venne inserita nel girone con Barcellona, Udinese, Werder Brema. Inizialmente, Malesani guidò la squadra a una vittoria con i tedeschi e a un pareggio con gli spagnoli, seguiti da tre sconfitte consecutive che ne decretarono l'eliminazione. In campionato, la prima parte dell'anno fu negativa; perse anche contro Olympiakos e AEK.
Alberto Malesani I tifosi fischiarono il tecnico veronese e la situazione si complicò ulteriormente dopo la sconfitta rimediata a inizio dicembre con l'Atromitos, che mise a rischio la panchina di Malesani. Proprio a questo periodo, il 15 dicembre 2005, in seguito al pareggio interno con l'Iraklis, risale la conferenza stampa nella quale inveì contro i giornalisti greci rei di criticare a priori la squadra solo per creare sterili e inutili polemiche ai danni di «gente che lavora 24 ore al giorno». Nella seconda parte di stagione si riavvicinò alla testa della classifica, concludendo il campionato al terzo posto. A fine aprile aveva annunciato che sarebbe tornato in Italia per ragioni familiari, interrompendo a fine stagione il rapporto con la squadra greca.
Alberto Malesani Il 1º settembre 2010, alla vigilia della prima giornata di campionato, viene ingaggiato come allenatore del Bologna in sostituzione di Franco Colomba, che aveva condotto la preparazione estiva. Con una rosa rinnovata e con la salvezza come obiettivo, Malesani subentra ufficialmente in panchina alla seconda giornata con una sconfitta per 3-1 contro la Lazio. Il lavoro dell'allenatore veronese consente alla squadra di rimanere costantemente al di sopra del terzultimo posto.
Alberto Malesani Il 29 gennaio 2014 viene ingaggiato dal Sassuolo per sostituire l'esonerato Eusebio Di Francesco. Il 3 marzo successivo, dopo aver raccolto 5 sconfitte su 5 partite (contro Verona, Inter, Napoli, Lazio e Parma), viene esonerato dalla società neroverde che al suo posto richiama proprio Di Francesco.
Alberto Malesani In carriera ha vinto tre titoli col Parma: Coppa Italia, Supercoppa Italiana, Coppa UEFA.
Alberto Malesani Cresciuto nelle giovanili della squadra veronese Audace San Michele, era centrocampista; con buon senso tattico, la sua lentezza ne limitò il rendimento.
Alberto Malesani La carriera di allenatore di Malesani iniziò nel 1990 quando venne chiamato a guidare la formazione Primavera del Chievo. Abbandonò il lavoro alla Canon per dedicarsi al calcio, occupandosi nel primo periodo anche della campagna abbonamenti e dei contratti dei giocatori. Divenuto vice allenatore, nel 1993 fu chiamato a guidare la squadra in Serie C1 e la portò subito alla storica prima promozione in Serie B, gettando le basi per quello che in futuro venne denominato "miracolo Chievo".