Top 10 similar words or synonyms for epistle

attributed    0.810454

relating    0.774794

accession    0.774624

preaching    0.766212

liturgy    0.761623

memorials    0.760682

admonition    0.753003

emissaries    0.746975

belonging    0.743456

platonism    0.741770

Top 30 analogous words or synonyms for epistle

Article Example
John Arbuthnot Nel 1734, la salute di Arbuthnot cominciò a declinare, egli soffriva di calcolosi renale e di asma, oltre che di obesità. John Arbuthnot morì il 27 febbraio 1735 nella sua casa di Cork Street, a Londra e venne sepolto in St James's Church, a Piccadilly. Alexander Pope, subito dopo le esequie, pubblicò il suo componimento poetico intitolato "Epistle to Dr. Arbuthnot".
Robert Parsons (gesuita) "An Apologicall Epistle: directed to the right honorable lords and others of her majesties privie counsell. Serving as well for a preface to a Booke entituled A Resolution of Religion" [signed R.B.], Antwerp, 1601, è opera del prete cattolico Richard Broughton e non di Parsons (come sostiene il "Dictionary of National Biography").
Falling Down (Oasis) Nella canzone è presente il verso: ""catch the wheel that breaks the butterfly" (acchiappa la ruota che rompe la farfalla)", sicuramente una citazione della frase "Who Breaks a Butterfly Upon a Wheel?" di Alexander Pope, poeta cattolico inglese, proveniente dalla sua opera "Epistle to Dr. Arbuthnot" del 1755. La frase allude all'impiego di uno sforzo eccessivo per arrivare a qualcosa di poco importante.
Thomas Hay Egli era ben conosciuto negli ambienti politici e letterari, ed i suoi amici includevano Philip Yorke, I conte di Hardwicke, William Murray, I conte di Mansfield e l'arcivescovo di Canterbury Thomas Secker. Era anche un conoscente di Alexander Pope, che lo ha usato come modello per il personaggio di "Balbo" nella sua opera Epistle to Dr Arbuthnot.
Storia del femminismo Tuttavia, nella filosofia di Locke, la sottomissione delle donne agli uomini è basata sui testi biblici e in particolare sulla "[[Prima Lettera ai Corinzi]]" dell'[[apostolo]] [[Paolo di Tarso]], che venne analizzata in "Paraphrase and Notes on the first Epistle of St Paul to the Corinthians" nel 1706. Astell, che fu anche una teologa, confutò questa tesi sempre facendo riferimento al testo biblico e alla [[dottrina cristiana]] sulla [[morale]] e non alla [[filosofia]].
Richard Boyle, III conte di Burlington Uno dei suoi meriti principali tuttavia fu quello di aver divulgato in Inghilterra le norme ed i princìpi dell'architettura classica in contrapposizione ad una visione nazionalista che restava ancorata alla tradizione britannica. In questa sua impresa ricevette la collaborazione del pittore William Kent e del poeta Alexander Pope, che pubblicò nel 1731 il celebre trattato "Epistle on Taste" nel quale vennero enunciate le teorie di Burlington.
Shattered - Gioco mortale Il titolo originale del film (letteralmente "Una farfalla su una ruota") allude a una frase della "Epistle to Dr Arbuthnot" di Alexander Pope: ""Who breaks a butterfly upon a wheel?"", ""Chi schiaccia una farfalla su una ruota?"". La frase è solitamente interpretata come il chiedersi perché qualcuno possa fare uno sforzo enorme per raggiungere qualcosa di minore o nessuna importanza. o per definire una forma di punizione spropositata all'entità della colpa commessa, traduzione che pare appunto appropriata sulla base della trama del film stesso.
Theophilus Cibber La paternità letteraria di Theophilus per l'opera "Lives of the Poets of Great Britain and Ireland, to the Time of Dean Swift" (1753) è controversa; Samuel Johnson sosatenne che fu scritta da Robert Shiels. La maggior parte di quest'opera è tratta da precedenti opere di Gerard Langbaine e Giles Jacob. Altre opere attribuite a Theophilus sono "A Letter from Theophilus Cibber to John Highmore" (1733), "A Lick at a Liar: or Calumny Detected. Being an Occasional Letter to a Friend" (1752), "An Epistle from Mr Theophilus Cibber to David Garrick, esq." (1755), e "Two Dissertations on the Theatres" (1756), che nonostante il titolo è in tre parti.
Teologia federale L'affermazione più classica della Teologia federale è quella della Confessione di fede di Westminster (in particolare i capp. 7, 8, 19), come pure quella dei teologi inglesi John Owen (1616-1683), "Biblical Theology, e An Exposition of the Epistle to the Hebrews". Espongono questa dottrina nel diciassettesimo secolo i teologi Johannes Cocceius (1603-1666)), in "Summa doctrinae de foedere et testamento Dei" (1648), Francesco Turrettini (1623-1687) nelle sue "Istituzioni di Teologia elenctica", e Hermann Witsius (1636-1708) in "L'economia dei patti fra Dio e l'uomo". La teologia federale può essere pure riscontrata negli scritti di Jonathan Edwards (1703-1758) in "Collected Writings of Jonathan Edward"s (Vol 2, Banner of Truth edition, p. 950).
Colley Cibber Pope, mortificato per la nomina di Cibber a poeta laureato e allibito dalla vanagloria profusa da Cibber nella sua "Apology" (1740), non perse occasione per attaccarlo e avere dalla sua il pubblico divertito. Per la maggior parte delle volte Cibber replicò abbastanza di buon umore alle frecciate di Pope ("alcune delle quali sono chiaramente di cattivo gusto" fece notare Lowe), finché nel 1742 Cibber inferse un colpo basso a Pope indirizzandogli "A Letter from Mr. Cibber, to Mr. Pope, inquiring into the motives that might induce him in his Satyrical Works, to be so frequently fond of Mr. Cibber's name". In questo pamphlet, l'attacco da parte di Cibber partì da un riferimento a quanto scritto da Pope in "Epistle to Arbuthnot" (1735) riguardo ad "una puttana", la quale offrì a Cibber la possibilità di rispondere a Pope citando uno scandaloso aneddoto sulla visita di Pope in un bordello. "Devo proprio", scrisse Cibber, "dire che credo di sapere più io del tuo bazzicare puttane che tu del mio; perché non ricordo di aver mai fatto a te confidenza delle mie frequentazioni, mentre io sono stato più che un testimone oculare delle tue." Dal momento che Pope era alto poco più di metri 1.30 ed aveva la gobba per una tubercolosi ossea contratta da giovane, Cibber considerava la vista di Pope insieme ad una donna come qualcosa di divertente ed ironizzava sulla "ridotta virilità" di Pope. Per una volta chi si divertiva era dalla parte di Cibber e la storiella "sollevò un'omerica risata a spese di Pope". Pope non rispose direttamente, ma si prese una delle più celebri rivincite nella storia della letteratura. Nella edizione rivisitata della "Dunciad" pubblicata nel 1743, Pope mise Colley Cibber come il "Re dei Somari" al posto di Lewis Theobald.